Cattura e stoccaggio del carbonio nel Regno Unito

Cattura e stoccaggio carbonio

Cattura e stoccaggio del carbonio nel Regno Unito
14 Ottobre
 Regno Unito-Imprese, politici ed esperti ambientali stanno facendo pressioni sul governo di coalizione per imporre un prelievo sulle bollette energetiche nazionali, al fine di finanziare un investimento di 4 miliardi di sterline per la cattura e stoccaggio del carbonio (CCS). La cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS) è una tecnica basata sulla cattura di anidride carbonica da fonti puntuali di grandi dimensioni come le centrali elettriche a combustibili fossili, che permetterebbe di attenuare  le emissioni di CO2 e quindi limitare il riscaldamento globale.
 

Secondo alcuni esperti la CCS è la chiave per un futuro più verde, inoltre, senza sviluppi sulla cattura e lo stoccaggio del carbonio, il Regno Unito non potrà far  fronte ai propri obblighi giuridici di ridurre le emissioni di CO2 entro il 2020.
Con la cattura delle emissioni di carbonio dalle centrali a combustibile fossile, non sarà necessario ricorrere necessariamente ad altre tecnologie basate su fonti rinnovabili, come ad esempio il fotovoltaico o le turbine eoliche domestiche.
I piani per il prelievi fiscali sono stati elaborati dall'ex governo laburista ai sensi dell’Energy Act 2010, approvato prima delle elezioni generali di maggio, con l'appoggio dei tre maggiori partiti politici del Regno Unito. Tuttavia,  i tagli alla spesa pubblica previsti dal governo di coalizione, potrebbero costringere i partiti conservatori e liberali democratici a bloccare  questi prelievi per non aggravare la spesa pubblica, in un tempo di particolare crisi. Gli esperti le imprese del settore energetico, tra cui la Shell   e la Siemens, si sono mossi per convincere il governo a proseguire con i prelievi.
David Kennedy, il direttore esecutivo della Commissione sui cambiamenti climatici, ha affermato “4 miliardi di sterline per gli impianti per  la cattura e lo stoccaggio sarebbero soldi ben spesi. Se non si dispone di questi impianti come si può ottenere una decarbonizzazione della fornitura di energia elettrica nel 2020?".
Nel mese di marzo, il segretario ex laburista per l'energia e il cambiamento climatico, Ed Miliband, che ora è leader del partito dell'opposizione, affermò che gli investimenti per la cattura e lo stoccaggio del carbonio  sarebbero in grado di generare entro il 2030, 100.000 posti di lavoro e fino a 6 miliardi di sterline all'anno.
Ma in un'epoca di tagli alla spesa pubblica e di costi crescenti del carburante,  è  molto improbabile che i proprietari delle case del Regno Unito, sostengano  i prelievi fiscali per la CCS, in quanto ciò farebbe aumentare le bollette di energia elettrica domestica e del riscaldamento centrale a gas, soprattutto  in vista dell’avvicinarsi della stagione invernale.
 
 Fonte: Home heating guide
 

Categorie correlate