L'Idrometano per gli impianti sportivi

L'Idrometano per gli impianti sportivi : sperimentazione alla Sapienza di Roma

L'Idrometano per gli impianti sportivi

Oggi  ufficialmente potrà essere utilizzato  il laboratorio di cogenerazione creato nel centro universitario sportivo di Torre Quinto (CUS) della Sapienza di Roma, necessario a coprire il fabbisogno energetico degli impianti sportivi.


Il centro, conosciuto per diverse attività offerte, per la qualità delle sue attrezzature e il suo prestigio anche a livello internazionale, si adegua alla necessità di introdurre l’utilizzo di fonti energetiche alternative e alle nuove sfide imposte dal cambiamento climatico.
Nasce così  il primo impianto italiano di cogenerazione alimentato da una miscela di metano ed idrogeno, la quale limita le emissioni di CO2 e di altre sostanze che derivano dalla combustione di idrocarburi,  grazie al suo basso contenuto di carbonio.
Il progetto fa parte del programma joint lab di Sapienza Innovazione,  finanziato dalla Regione Lazio, ed è frutto della collaborazione di diverse figure professionali, studenti ed enti pubblici, che si sono impegnati per promuovere lo sviluppo di fonti energetiche alternative come l’idrogeno, il metano e anche il fotovoltaico. Infatti, l’impianto è dotato di diversi pannelli solari, che serviranno a  produrre l’idrogeno, che si aggiunge al metano  per alimentare un gruppo di cogenerazione
L’impianto, molto innovativo e rispettoso dell’ambiente, riuscirà a produrre  la quantità di energia  necessaria per gli impianti elettrici  dei campi sportivi e di quelli per il riscaldamento della piscina, ma verrà anche utilizzato come laboratorio.

Fonte: Rinnovabili.it

Categorie correlate