Dalla Fiera Ecomondo: rifiuti e biometano come risorse

Dalla Fiera Ecomondo: rifiuti e biometano come risorse A conclusione della Fiera Ecomondo tenutasi a Rimini in questi giorni di novembre 2016 si è preso atto di come si siano moltiplicate le soluzioni per ricavare sia energia dai rifiuti e dalla filiera agricola che materie prime dai residui industriali e da ciò che resta dopo la depurazione dell’acqua usata a scopo sanitario o alimentare. Per prendere visione degli eventi che hanno avuto luogo durante la Fiera approfondite qui

Nel caso dei fanghi da depuratori, non considerati pericolosi e quindi persi in seguito al stoccaggio in discarica, oltre alla possibilità di produrre energia è possibile recuperare sostanze utili come composti organici, azotati e nitrati altrimenti derivati dai combustibili fossili. Infatti si recupera cellulosa dalla carta igienica, acido lattico, biopolimeri, biocombustibile solido, fino agli elementi fondanti dei più comuni fertilizzanti agricoli.

Risulta evidente che, oltre all’aspetto meramente economico, questo processo di valorizzazione dei fanghi permette anche di ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera. La tecnologia è già pronta per essere applicata sai depuratori già esistenti.

Relativamente al biometano prodotto dal compostaggio dei rifiuti e dall’agricoltura, il suo settore di impiego è attualmente limitato alla produzione di energia elettrica poiché il passaggio all’impiego per l’autotrazione richiede ancora la definizione di impegni fra le parti interessate.

E' possibile visionare un filmato di presentazione offerto dal TGR Leonardo qui.


Categorie correlate