Nasce un progetto per monitorare l’inquinamento atmosferico a Londra durante le Olimpiadi

Parte “Scan City”


Nasce un progetto per monitorare l’inquinamento atmosferico a Londra durante le Olimpiadi Durante le prossime Olimpiadi di Londra, che si terranno nei mesi di luglio e agosto, una squadra di scienziati e ricercatori dell’Università di Leicester metterà in atto il progetto “Scan City” dedicato al monitoraggio dei livelli di inquinamento atmosferico che si registreranno nel territorio.
Il gruppo avrà a disposizione degli strumenti altamente tecnologici ed innovativi grazie ai quali potranno rilevare in atmosfera la presenza di sostanze nocive e la variazione della loro quantità in conseguenza della grande manifestazione sportiva.
A guidare il gruppo di studiosi sarà il dottor Roland Leigh, del gruppo Earth Observation Science, che ha recentemente dichiarato: "Saremo in grado di mappare l'inquinamento in 3D per mostrare quanto vadano in basso e in alto il biossido di azoto e altri fumi tossici e quanto si diffondano"
Il progetto, secondo lo scienziato, oltre a rappresentare un ottimo strumento per l’informazione e l’analisi, può costituire un vero e proprio aiuto per le amministrazioni nell’individuazione delle aree più colpite della città e della loro immediata riqualificazione.
Secondo Graves Rosie, un componente del gruppo: “È importante – sostiene Rosie - sapere quali sono le condizioni durante le Olimpiadi e vedere come possiamo far fronte al traffico extra che ci sarà. Abbiamo anche fatto dei test in gennaio e febbraio per vedere com’era la situazione prima delle Olimpiadi e osservando ciò che accadrà durante i Giochi potremo provare a confrontare i risultati."

Fonte : ecodallecitta.it

Categorie correlate