Riduzione dell’inquinamento acustico

La Commissione Europea propone un intervento per la riduzione di un quarto del rumore prodotto


Riduzione dell’inquinamento acustico La Commissione Europea ha proposto di ridurre di un quarto l'inquinamento acustico prodotto da auto, furgoni, autobus, pullman, autocarri leggeri e pesanti.

I valori limite del rumore sarebbero abbassati in due fasi ciascuna di 2 decibel per autovetture, furgoni, autobus e pullman. Per i camion, invece, la riduzione sarebbe di 1 decibel nella prima fase e di 2 decibel nella seconda fase.
Il primo passo sarà attuato due anni dopo la pubblicazione ed approvazione del testo da parte del Parlamento europeo e degli Stati membri, il secondo passo è previsto dopo tre anni.
Nell'insieme, queste misure riducono il rumore ed il conseguente inquinamento acustico dei veicoli di circa un quarto.
I limiti delle emissioni sonore, infatti, non sono cambiati dal 1996, nonostante il traffico crescente.
Inoltre, la Commissione intende introdurre un nuovo metodo di prova più affidabile per misurare le emissioni sonoreSecondo gli studiosi, la riduzione del rumore del traffico e dell’inquinamento acustico è essenziale per migliorare la salute e la qualità della vita dei cittadini europei e quindi, la proposta della Commissione Europea riducendo i livelli di rumore ambientale permetterà la diminuzione del numero di persone colpite da esso.

Il vicepresidente Antonio Tajani, responsabile per l'industria e l'imprenditoria, ha dichiarato: "Le emissioni di rumore dovuto al traffico stradale, di cui i nostri cittadini stanno soffrendo, sarà notevolmente ridotto.
La nostra proposta porterà i veicoli a motore ad essere meno fastidiosi sulle nostre strade e permetterà un ambiente più sano.
La nostra proposta farà anche più chiare le regole internazionali per l'industria, così sarà più facile per i produttori europei vendere auto al di fuori dell'UE ".

Categorie correlate