Scuolabus a metano

Scuolabus a metano : il Comune di Viterbo attivo per la mobilità sostenibile

Scuolabus a metano Da pochi giorni il Comune di Viterbo ha presentato ai cittadini due nuovi modelli di scuolabus a metano per sostenere ed attuare concretamente la mobilità sostenibile nel territorio.
I due mezzi di trasporto ecocompatibili sono stati mostrati alla popolazione dal sindaco Giulio Marini, dal presidente della Francigena Pierre di Toro con gli assessori Paolo Muroni, Vito Guerriero e Sandro Zucchi.
Nella presentazione sono stati così esposte le funzionalità, le caratteristiche ed i benefici relativi all’utilizzo dei due mezzi di trasporto che, come spiegato, rappresentano solo una parte di un progetto molto importante ed innovativo riguardante la mobilità sostenibile che prevede anche l'acquisto di bus elettrici grazie al contributo del Ministero (che ha concesso 600 mila euro) e al Comune stesso che ha investito 300 mila euro. “Grazie al finanziamento concesso dal Ministero dell'Ambiente a seguito della nostra partecipazione al bando nell'anno 2009 - ha spiegato Marini - possiamo presentare questi due nuovi scuolabus a metano. Mi ritengo molto soddisfatto del risultato e soprattutto dei tempi impiegati per il conseguimento di questo obiettivo. Sono trascorsi appena 16 mesi tra la partecipazione al bando e la presentazione dei mezzi che a partire dai prossimi giorni saranno a disposizione degli studenti” “A breve – ha aggiunto il sindaco – saranno avviate le procedure per l'acquisto di due autobus elettrici che andranno principalmente a servire il centro storico. Il finanziamento prevede inoltre l'informatizzazione dei percorsi dei bus, al cui interno sarà possibile visualizzare una vera e propria tabella di marcia, con indicate le varie fermate e chilometraggio del tragitto. Da tempo stiamo lavorando al miglioramento del servizio di trasporto pubblico locale – ha spiegato ancora il sindaco Marini - sia per ottimizzare il servizio stesso, ma anche per abbattere la concentrazione di CO2 nell'atmosfera. In maniera graduale cerchiamo di abituare i cittadini ai cambiamenti che contraddistingueranno i prossimi anni. Tra questi rientra anche il progetto “Bike sharing” che abbiamo presentato lo scorso ottobre al Ministero dell'Ambiente e che prevede l'utilizzo in città della bicicletta elettrica e la realizzazione di una rete di piste ciclabili in zone pianeggianti. Un progetto che auspichiamo venga finanziato come è successo con i due scuolabus a metano e gli altri due autobus elettrici”. FONTE : OCCHIOVITERBESE.IT

Categorie correlate