Certificato Bianco TEE


Certificato Bianco TEE La peculiarità dei certificati bianchi è che sono titoli negoziabili, per le realtà che sono in grado di ottenerli e di venderli, rappresentano di fatto un incentivo economico alla produzione di energia da fonti rinnovabili. Con la vendita dei titoli di efficienza energetica i produttori possono ottenere un guadagno che nel piano di ammortamento è equiparabile ad un incentivo.

I certificati bianchi sono attestati dal Gse, gestore dei servizi energetici, e possono essere ottenuti da vari soggetti che effettuano progetti per il risparmio e l’efficientamento energetico, tra questi: i produttori di energia da fonti rinnovabili e, tra questi, coloro che realizzano impianti fotovoltaici. Chi realizza un sistema fotovoltaico può ottenere un numero di certificati bianchi in relazione alla quantità di energia che l’impianto è in grado di produrre (e quindi risparmiare sulla rete elettrica).

Il mio impianto fotovoltaico, dunque, procura un risparmio energetico che può essere quantificato e certificato. Col sistema dei certificati bianchi, tale risparmio viene anche valorizzato. Vediamo come: Il produttore da fonti rinnovabili è colui che vende il titoli energetici ottenuti dal Gse sul proprio impianto. A chi li vende? Ai distributori di luce e gas.


Categorie correlate

Per ricevere l'email degli aggiornamenti dei contenuti dell'autore.